Beatles contro Rolling Sones, lo sguardo da gazzella tutta-ciglia di Twiggy, la trasgressiva minigonna di Mary Quant, la rivoluzione Mod e la Vespa. Tutte icone dei ruggenti anni ’60, una decade che continua a esercitare la sua influenza, nel ricordo inossidabile di una generazione che per prima ha piantato i semi del cambiamento. Quest’anno non avrai bisogno di perlustrare mercatini delle pulci o bancarelle second-hand: stampe geometriche, colori squillanti e silhouette grafiche hanno conquistato le passerelle per l’Autunno – Inverno. Non resta che scegliere i pezzi chiave del look.

- Un cappottino a trapezio in lana spessa – più cool che bon ton. Miuccia Prada, indiscussa campionessa dello stile Sixties, ne offre una versione nera con sofisticati bordi bianchi e una stampa a griglia verde petrolio effetto tromp l’oeil, mentre è di Balenciaga il modello più classico in cammello con orlo nero in pelle.
- Una minigonna a scacchi: per il esempio il delizioso modello di Missoni o il leopardato nei toni del grigio luccicante di Just Cavalli
- Un abitino svolazzante – quasi l’icona del periodo – come quello in percalle senza maniche di Celine o il modello giallo canarino di Tara Jarmon, con bottoni ton sur ton in vita.
- Il tocco finale? Un paio di ballerine nere con fiocco dorato di Paul & Joe o gli stivali di Sergio Rossi con vertiginoso tacco a contrasto.
E anche se senti di non poterti concedere un paio di go-go boots bianchi (bellissimi ma un po’ difficili gli stivali al ginocchio) o un cappellino a tamburello à la Jaqueline Kennedy, basterà un pezzo o un solo dettaglio per dare un inconfondibile – e irresistibile – tocco ’60 al tuo look.